Noi di Stanze d’Autore siamo sempre alla ricerca del materiale migliore per l’esigenza dei nostri clienti, specialmente quando parliamo di piani top per cucine.

Che sia in laminato, in legno, in pietra o di granito garantiamo sempre un’alta qualità anche in relazione all’uso che il cliente vuole farne.

Ma un piano in vetro è una soluzione adatta a tutti?

In questa breve guida cerchiamo di analizzare i pro e i contro di questa soluzione di rivestimento che è una tra le più attuali ed in linea con le tendenze nel design d’interni.

Top della cucina in vetro: un materiale adatto a tutti gli usi

Il vetro è utilizzato spesso come materiale di rivestimento, perché sempre elegante ed ideale in ambienti moderni. Un top della cucina in vetro si abbina bene a modelli con ante in cristallo, ma anche a cucine in legno, metallo, laminate o laccate, conferendo all’ambiente un tono minimale e sempre raffinato.

Qualunque sia la vostra preferenza dal punto di vista estetico, il top della cucina in vetro temperato stratificato è quello che viene generalmente consigliato perché è più resistente e sicuro: in caso di rottura si frantuma in piccoli pezzi non taglienti, evitando gli spiacevoli incidenti che potrebbero verificarsi con un vetro normale.

Valcucine, storico marchio famoso per le sue cucine di design, tiene particolarmente ai suoi clienti utilizzando delle tecniche particolari e sicuramente efficaci per eseguire una serie di test:
iconica è la prova che dimostra la resistenza del vetro sottoposto all’urto di una sfera di ferro da mezzo chilo fatta cadere sul piano.

Grazie al trattamento di tempra che riscalda il vetro ad altissime temperature e lo raffredda repentinamente, il top in vetro della cucina non riceverà alcun danno.

Vediamo dunque quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo materiale.

Scopri se è meglio una cucina con zoccolo, con piedini o sospesa

Vantaggi del top della cucina in vetro

Il principale vantaggio di arredare la cucina con piani in vetro, è quello di unire ad un ottimo impatto estetico, facilità di pulizia, e caratteristiche igieniche notevoli, dovute alla non porosità del materiale; niente più macchie di caffè e di sugo.

Inoltre l’utilizzo del vetro permette di dilatare gli spazi conferendo un senso di luminosità e leggerezza all’ambiente, ed è quindi ideale anche in cucine di piccole dimensioni.

In ultimo, il vetro è un materiale totalmente eco-compatibili e riciclabile all’infinito; un tocco di stile dunque, con un occhio di riguardo per l’ambiente.

Svantaggi del top della cucina in vetro

Fino ad ora abbiamo visto tutti i motivi per scegliere il top della cucina in vetro, ma esistono anche alcuni svantaggi.

Seppur, come accennato, i moderni piani in vetro temperato siano dotati anche di una buona resistenza agli urti e quindi potrete tranquillamente appoggiare i vostri attrezzi da cucina, gli spigoli del vostro top resteranno sempre più delicati rispetto a quelli di altri materiali, soprattutto se realizzato in spessori ridotti; per ovviare a questo inconveniente questo tipo di piani è spesso dotato di bordatura in acciaio o alluminio.

Da tenere presente nel valutare l’acquisto di un top in vetro per cucina è la sensibilità del vetro ai graffi che anche se di lieve entità tendono ad essere visibili, così come le impronte e gli aloni.

Scopri questa cucina di Valcucine interamente in vetro in promozione.

Noi di Stanze d’Autore sapremo sicuramente proporti le migliori soluzioni e aiutarti a valutare se il top in vetro può fare al caso tuo.